La nuova roadmap di Polkadot spiegata in 5 punti

Polkadot: 5 nuove funzionalità in arrivo nel 2022

Il 26 Settembre Polkadot ha rilasciato la roadmap per l’ultimo trimestre del 2022. Scopri le 5 nuove funzionalità per la blockchain di Gavin Wood!

Polkadot, e l’azienda che si occupa del suo sviluppo, Parity Technology, Lunedì 26 Settembre hanno rilasciato un documento in cui sono presenti tutte le più importanti funzionalità a cui il network sta lavorando per l’ultimo trimestre del 2022. Gli aggiornamenti programmati da Polkadot sono principalmente relativi a scalabilità, sviluppo delle parachain, governance e staking. Vediamo 5 nuove funzionalità per Polkadot in arrivo nel 2022 e tutti i miglioramenti previsti per il network! 

1. Polkadot sempre più scalabile

La prima delle cinque funzionalità in arrivo su Polkadot nel 2022 è chiamata Asynchronous Backing e verrà implementata per aumentare la scalabilità della rete Polkadot. La scalabilità è la capacità di un network di processare rapidamente le transazioni, più una blockchain è scalabile e più transazioni può processare in un determinato periodo di tempo. Grazie alla funzionalità Asynchronous Backing il tempo per blocco di ogni parachain si dovrebbe ridurre da 12 secondi a circa 6, questo garantirà alle reti di processare transazioni con una minor latenza, l’intervallo di tempo che intercorre fra il momento in cui viene inviata una transazione e il momento in cui viene effettivamente processata, e in generale più velocemente. 

Asynchronous Backing permetterà di raddoppiare lo spazio disponibile su ogni blocco, e di “riutilizzare” i blocchi quando non vengono convalidati al primo tentativo. Questo aggiornamento è volto ad aumentare la quantità di lavoro che ogni parachain può svolgere e ad ottimizzare le prestazioni della Relay Chain, l’infrastruttura sulla quale sono costruite tutte le parachain. Sarà quindi possibile registrare un maggior numero di parachain e la capacità di TPS (transazioni per secondo) della rete Polkadot, quindi quella di tutte le sue parachain e dei suoi parathread, dovrebbe aumentare notevolmente, arrivando ad oscillare tra le 100.000 e 1 milione.

2. Parathread: lancio e potenziamento

La seconda novità per l’ecosistema di Polkadot riguarda i parathread. I parathread sono delle parachain che non sono integrate stabilmente su Polkadot, grazie alla vincita di una delle aste, ma che pagano l’utilizzo dell’infrastruttura di Polkadot “a consumo”. I parathread rispetto alle parachain potranno essere costruiti anche da programmatori non professionisti in quanto, a livello di complessità di codice, possono essere paragonati a semplici smart contract. Sia le Polkadot parachain che i parathread non possiedono un proprio algoritmo di consenso ma sfruttano quello della Relay Chain di tipo Proof-of-Stake. Il lancio dei parathread era previsto per quest’estate ma è stato posticipato all’inizio del 2023. Per quanto riguarda i parathread, Parity Technology sta esplorando una soluzione chiamata Next-Generation Scheduling. Il Next-Generation Scheduling consente alle Polkadot parachain che hanno vinto le aste e si sono quindi aggiudicate la possibilità di partecipare alla rete e ai parathread, di aumentare la quantità di spazio sui propri blocchi in modo da risparmiare sui costi derivanti dal meccanismo di consenso.

3. Governance ristrutturata

Il terzo punto della roadmap di Polkadot per l’ultimo trimestre del 2022 riguarda la governance. Con governance all’interno del Web3, si intende il modo in cui i membri della community possono partecipare alle decisioni in merito alle mosse future del progetto. Il nuovo sistema, chiamato Overhaul, eliminerà il consiglio e i comitati tecnici e introdurrà la Polkadot Fellowship. La Polkadot Fellowship ha come “costituzione” il Polkadot Fellowship Manifesto

Il termine fellowship, che si utilizza di solito per indicare una compagnia di amici, non è stato attribuito per caso al nuovo sistema di governance di Polkadot. Il sistema infatti punta a modificare il processo decisionale rendendolo il più simile possibile a quello che normalmente avviene in un gruppo di amici. La nuova governance di Polkadot ha l’obiettivo di decentralizzare il vecchio sistema composto da 3 camere e un consiglio di 13 membri eletti dai possessori di DOT. Con le modifiche apportate, tutti i membri della community avranno voce in capitolo grazie a referendum periodici e ad un sistema di deleghe che renderà più veloce il processo decisionale. La Governance V2 dovrebbe essere implementata su Kusama, la blockchain parallela a Polkadot che viene utilizzate per testare le nuove funzionalità, all’inizio del quarto trimestre del 2022.

4. La nuova Staking Dashboard 

La quarta novità per l’ecosistema Polkadot riguarda lo staking. Essendo Polkadot una blockchain che funziona grazie al meccanismo di consenso Proof-of-Stake, lo staking è disponibile e indispensabile al fine garantire la sicurezza delle transazioni. La sfida per la fine del 2022 per la blockchain di Gavin Wood è quella di rendere lo staking più accessibile e semplice per gli utenti che vogliono partecipare al meccanismo di consenso della rete o ottenere ricompense. A tal fine, Parity Technologies ha sviluppato una Staking Dashboard, una piattaforma che permette di mettere in staking la crypto di Polkadot, DOT. Il punto principale su cui si è concentrato lo sviluppo di Parity Technologies è rendere la dashboard user friendly e di alleggerire l’infrastruttura. Lo staking su Polkadot infatti funziona senza un provider esterno centralizzato grazie alla tecnologia light-client. La tecnologia light-client consente ai validatori di interagire con una blockchain senza dover memorizzare tutto lo storico della rete conservando lo stesso livello di sicurezza. La versione beta della dashboard di Polkadot per lo staking è già utilizzabile e la versione definitiva dovrebbe essere rilasciata a breve!

5. Potenziamento delle parachain

Il futuro di Polkadot nei prossimi mesi riguarderà ovviamente anche le parachain. Le parachain sono la funzionalità principale di Polkadot e il motivo per il quale la blockchain ha guadagnato così tanta popolarità. Le parachain sono le blockchain secondarie che sfruttano l’infrastruttura di Polkadot e le loro performance verranno migliorate attraverso un nuovo meccanismo chiamato Weights V2. Weights V2 permetterà di convalidare i blocchi delle parachain più facilmente e di conseguenza renderà più semplice la “scrittura” e lo sviluppo di queste ultime. L’aggiornamento è il primo in ordine temporale che verrà implementato e dovrebbe arrivare entro la metà di Ottobre 2022.

Young Monday: Apple e gli NFT, Christie’s, il gioco play-to-earn su Muhammad Ali

Comprare NFT con Apple e Christie’s, il play-to-earn su Muhammad Ali

Apple consentirà di acquistare NFT sul suo app store, il nuovo marketplace NFT di Christie’s e il gioco play-to-earn della boxe ispirato a Muhammad Ali

Il primo Young Monday di Ottobre ha in serbo buone nuove provenienti soprattutto dal mondo dei token non fungibili. Apple consentirà l’acquisto di NFT tramite il suo app store e Christie’s, la casa d’aste più famosa al mondo ha lanciato il suo NFT marketplace. Il 1° di Ottobre 2022, in occasione dell’anniversario dello storico incontro Thrilla in Manila, è avvenuto il drop degli NFT del play-to-earn a tema boxe “Muhammed Ali – The Next Legends”.

Le novità per questa settimana però non finiscono qua, Mastercard ha annunciato che sarà possibile personalizzare le carte di pagamento con i propri NFT tra quelli delle collezioni definite “blue chip”: il Bored Apes Yacht Club, i Moonbirds e i CryptoPunks. A proposito di CryptoPunks, il 28 Settembre 2022 è stato venduto il CryptoPunks numero 2924 per la cifra record di 3.300 ETH, circa 4,5 milioni di dollari! Si tratta della quarta vendita di CryptoPunks più grande di sempre, che record!

A breve si potranno acquistare NFT sull’app store di Apple

Apple ha di recente reso noto che consentirà di vendere e comprare NFT attraverso il proprio app store. L’azienda non ha ancora spiegato le modalità con cui sarà possibile acquistare i token non fungibili direttamente in app store. L’iniziativa di Apple è diretta in particolare alle applicazioni ed i giochi presenti sull’app store che hanno intenzione di vendere componenti dei videogiochi sotto forma di NFT. Il dibattito attorno a questa notizia si è concentrato soprattutto sulle commissioni che Apple ha previsto di applicare sull’acquisto di ogni NFT. Questa commissione dovrebbe essere del 30%, la stessa percentuale viene oggi applicata tuttora per i componenti dei giochi mobile tradizionali acquistabili grazie allo store di Apple. Apple è stata criticata sui social network, soprattutto sul crypto Twitter, a causa della scelta di apporre commissioni così alte sulla vendita e sull’acquisto di NFT. Non sono mancati però anche pareri positivi, secondo i quali l’iniziativa del colosso di Cupertino sarebbe un tassello importante per l’adozione di massa.

Christie’s 3.0, la casa d’aste più famosa al mondo ora è Web3

Christie’s, la casa d’aste più famosa al mondo, ha recentemente lanciato il suo NFT marketplace su Ethereum. Christie’s 3.0. Tra le opere che sono passate dalla casa d’aste londinese c’è anche l’opera venduta all’asta con il prezzo più alto di sempre, il dipinto intitolato “Salvator Mundi” di Leonardo Da Vinci che è stato acquistato dal Dipartimento di Cultura e Turismo di Abu Dhabi per 450 milioni di dollari. L’avventura di Christie’s nel mondo del Web3 era però già iniziata tempo fa, con l’asta dell’opera d’arte, dell’artista digitale Beeple, “Everydays: The First 5,000 Days”, venduta per 69,3 milioni di dollari nel marzo 2021. L’iniziativa recente Christie’s 3.0 però rappresenta un ulteriore passo in avanti tecnologico per la casa d’aste. Ma come si fanno a comprare gli NFT su Christie’s 3.0? Christie’s 3.0 è un vero e proprio NFT marketplace ma le vendite saranno possibili solo tramite aste. La piattaforma è costruita sulla blockchain di Ethereum, e ad oggi non è ancora chiaro se sarà in futuro disponibile un mercato secondario su questa piattaforma o se chi vorrà vendere le opere d’arte digitali acquistate su Christie’s 3.0 dovrà affidarsi a NFT marketplace esterni. 

Christie’s 3.0 è stata creata in collaborazione con due realtà molto conosciute nel Web3. Una è Manifold, una startup che si occupa di sviluppare smart contract. L’altra invece è Chainalysis, un’azienda Web3 che produce software per l’analisi dei dati on-chain orientati in particolare a garantire la sicurezza. Il debutto di Christie’s 3.0 è avvenuto il 28 Settembre 2022 con la collezione PHASES, una collezione di opere d’arte in foto e video dell’artista digitale di New York Diana Sinclair, inserita da Forbes tra le 50 persone più influenti nel mondo NFT. Le aste per le opere d’arte di PHASES saranno disponibili fino all’11 Ottobre 2022, ed il prezzo di partenza delle opere è di 4 ETH (circa 5.300 dollari) per le opere d’arte digitali statiche, e 5 ETH (circa 6.660) per i video NFT. 

Muhammad Ali – The Next Legends, il play-to-earn sulla boxe 

Il 1° Ottobre 2022 è avvenuto il lancio dei Muhammad Ali — The Next Legends Pro Pack, i primi NFT del gioco su blockchain creato in onore di Muhammad Ali. Gli NFT sono costati 0,11 ETH, circa 150$ e oggi sono acquistabili su OpenSea ad un prezzo minimo di 0,11 ETH. Il primo giorno di Ottobre non è un giorno qualunque, in questo giorno nel 1975, è avvenuto l’incontro soprannominato “Thrilla in Manila”. Questo incontro è stato il terzo ed ultimo incontro tra Muhammad Ali e Joe Fraizer, avvenuto a Quezon City nell’area metropolitana di Manila (capitale delle Filippine) ed è considerato uno dei più importanti incontri della storia della boxe.


Il gioco play-to-earn in uscita, Muhammad Ali – The Next Legends sfrutterà le tecnologie degli NFT e dell’intelligenza artificiale. Il play-to-earn è prodotto dalla startup Non-Fungible Labs in collaborazione con l’azienda leader del settore dell’intelligenza artificiale per il Web3, Altered State Machine. Per giocare a The Next Legends devi abbinare due NFT: un ASM Brain, il “cervello del pugile” che è un NFT munito di intelligenza artificiale che gli consente di evolversi, e l’NFT di un pugile. Utilizzando poi le “Palestre di Intelligenza Artificiale” gli utenti potranno allenare il proprio “cervello” acquisendo le abilità pugilistiche necessarie a sconfiggere gli avversari. Le abilità acquisibili saranno agilità, resistenza, posizione, sparring, jab, ganci e montanti. L’obiettivo del gioco sarà quello di allenare il proprio pugile e vincere incontri contro altri giocatori per diventare La Prossima Leggenda!

RENGA, la collezione NFT di DirtyRobot che unisce fumetti e storytelling

RENGA, la collezione NFT emergente del fumettista DirtyRobot

Nel mese di Settembre, RENGA ha scalato le classifiche di vendita tra gli NFT. Scopri la collezione dell’artista emergente DirtyRobot! 

Gli NFT, ovvero i non-fungible token, sono prodotti digitali che spesso rimandano a esperienze artistiche fantastiche e colorate. Questo è il caso della collezione emergente RENGA, ideata e prodotta dall’illustratore DirtyRobot.

Il progetto ha immediatamente riscosso un grande successo nel mondo degli NFT: in un mese, RENGA ha ottenuto l’ottava posizione nella classifica delle collezioni con maggiore volume. A fine Settembre 2022, il volume di vendita di RENGA NFT corrisponde a 13,73 milioni di dollari e più di 8.000 transazioni. Senza dubbio un grande traguardo per un progetto lanciato da poco più di un mese!

Cosa sono i RENGA NFT? 

RENGA NFT è una collezione  sviluppata da DirtyRobot, illustratore specializzato in opere d’arte digitali e in token non fungibili. L’artista, nato in Inghilterra ma attualmente residente in Giappone, è conosciuto per i suoi personaggi futuristici e per il suo stile profondamente ispirato all’arte dei manga e dei fumetti. Il nome del progetto prende spunto da una forma letteraria sviluppata in Giappone chiamata “Renga” (連歌) e caratterizzata da un approccio collaborativo: diversi artisti lavorano a stretto contatto per la creazione di un’unica opera. L’intento di RENGA NFT è quello di sviluppare un progetto su blockchain collaborativo, dove artista e community delineano lo stile dei personaggi e la loro storia attraverso una storyline condivisa: mentre gli sviluppatori illustrano la storia dell’universo di RENGA, gli utenti possono tessere la trama dei singoli personaggi, donando loro una personalità e un background unico. 

Il progetto è composto da 10.000 personaggi PFP (profile picture) , ovvero opere d’arte digitali che possono essere utilizzate come avatar sui propri profili social e del Web3. Gli NFT di RENGA seguono lo stile classico degli anime giapponesi e del mondo dei fumetti:  personaggi esuberanti, con colori di capelli che non li fanno certo passare inosservati o con abiti futuristici e mai visti prima. Troviamo Robot dolcissimi che porgono dei fiori, teppistelli con gli occhi e la pelle di demoni o anche semplici adolescenti che si fumano una pipa: un ecosistema degno di un universo fantasy, insomma. 

Ogni personaggio all’interno della collezione RENGA è unico ed è stato creato attraverso la combinazione di 900 tratti possibili, uniti tra di loro in maniera casuale da un algoritmo. Un vero e proprio esempio di NFT di generative art

Proprio come in un mondo fantastico, popolato da tante creature diverse, nella raccolta NFT è possibile trovare 11 archetipi, ovvero tipologie di personaggi: Motor Corp, Delinquent, Agent, Robot, Alchemist, Samurai, Golem, Ninja, 8-Bit, Cube, 1/1. Ovviamente, alcuni di questi archetipi sono più rari rispetto ad altri, arrivando persino ad essere NFT unici nel loro genere (1/1). 

Ogni archetipo possiede delle caratteristiche specifiche e un ruolo definito all’interno del mondo fantastico di RENGA. È l’autore stesso a specificare l’origine e la storia dei propri personaggi. 

Gli NFT sono realizzati sulla blockchain di Ethereum e possono essere acquistati su vari marketplace, tra cui Opensea

Art of the Season e l’airdrop di RENGA NFT

RENGA non è il primo progetto NFT portato avanti da DirtyRobot: a Marzo 2022, l’artista ha avviato l’iniziativa “Art of the Season”, una raccolta di opere digitali dinamiche incentrate sulle quattro stagioni. Il cielo e lo sfondo dei token, infatti, non rimangono statici come in una normale figura, ma cambiano in base al fuso orario del proprietario dell’NFT, indicando il giorno e la notte. 

Anche in questo caso, ogni NFT custodisce una storia condivisa e creata dalla community. 

Tutti i possessori di un NFT proveniente dalla collezione Art of the Season hanno ricevuto con un airdrop un RENGA Black Box. Le Black Box, una volta aperte, potrebbero dare origine a personaggi estremamente rari e ad altre sorprese. 

L’arte dello Storytelling incontra il mondo degli NFT

Il progetto RENGA NFT è solo una delle tante iniziative che cercano di integrare il mondo dello storytelling alle blockchain. In un mondo dove è sempre più difficile promuovere la propria arte, il Web3 apre le porte ad un sistema dove gli artisti sono più liberi e detengono più diritti sulle proprie opere. 

Attraverso gli NFT, gli artisti possono comunicare direttamente con la propria audience e creare una community dove le storie sono influenzate direttamente dalle opinioni del pubblico. 

Un esempio di scrittura collettiva è dato da Jenkins the Valet, un progetto sviluppato da Tally Labs. L’iniziativa prevede lo sviluppo di una storyline collettiva che ruota intorno a Jenkins, uno degli avatar della collezione Bored Ape Yatch Club, che si ritrova catapultato in rocambolesche avventure.  Il nome della collezione, pertanto, non poteva che essere “Bored & Dangerous”! 

I 3 principali hard fork di Ethereum: ETC, ETHW e ETHF

Ethereum 2.0, i 3 principali fork dopo The Merge: ETHW, ETC, ETF

Ethereum Classic, Ethereum Proof-of-Work e Ethereum Fair. Tutto quello che non sai sui 3 principali hard fork di Ethereum dopo The Merge!

Il 25 Settembre 2022 è stato attivato con successo l’aggiornamento The Merge che ha modificato il meccanismo di consenso della blockchain di Ethereum. La rete di Ethereum è passata dal Proof-of-Work al Proof-of-Stake senza intoppi. Per gli utenti The Merge non ha portato cambiamenti significativi, a differenza che per i miner che nella versione precedente della blockchain si occupavano di validare le transazioni e di conseguenza i blocchi della blockchain, guadagnando ricompense in ETH per ogni blocco validato. I miner hanno quindi dovuto, per forza di cose, spostarsi su altre blockchain, alcune già esistenti altre create appositamente. Queste ultime sono hard fork della blockchain principale di Ethereum. Si parla di hard fork, nel gergo delle criptovalute, quando un progetto viene aggiornato in modo tale da essere incompatibile con la versione precedente, dando vita a qualcosa di nuovo. Scopri i 3 principali hard fork dopo The Merge: ETHW, ETC e ETHF.

1. Il più classico degli hard fork, Ethereum Classic

Ethereum Classic è forse il più famoso hard fork della storia delle crypto. ETC è nato in seguito all’attacco hacker alla DAO di Ethereum avvenuto a Luglio 2016. The DAO era una embrionale DAO (Organizzazione Autonoma Decentralizzata),un tipo di organizzazione che al giorno d’oggi è molto popolare nel mondo Web3, e permette agli utenti che possiedono la crypto di un ecosistema di partecipare attivamente alle iniziative e alla politica di un progetto.

The  DAO di Ethereum avrebbe dovuto essere una sorta di Venture Capital, con lo scopo di finanziare progetti all’interno del Web3 in base alle votazioni degli utenti utilizzando gli Ether della community. The DAO nei giorni immediatamente successivi al lancio è riuscita a raccogliere 150 milioni di dollari in ETH da più di 11.000 utenti diversi. A Luglio 2016 però, uno o più hacker hanno violato lo smart contract di The DAO, riuscendo a rubare 3,6 milioni di Ethereum, circa il 14% della fornitura totale in quel periodo. In seguito a questa compromissione della blockchain di Ethereum la community è stata chiamata a sottoporsi ad una votazione sul futuro del network. La soluzione che mise d’accordo più persone fu proprio la creazione di un hard fork. 

La blockchain di Ethereum principale è diventata la blockchain Ethereum Classic, mentre la nuova biforcazione nata in seguito all’hard fork è diventata poi la rete di Ethereum che tutti noi conosciamo. Ma cosa c’entra Ethereum Classic con l’aggiornamento The Merge? ETC è l’hard fork della blockchain di Ethereum più conosciuto e attivo dal 2016, seppur sia stato vittima in passato di qualche attacco, continua a resistere e a processare transazioni senza particolari problemi. Proprio per questo motivo, una grande quantità di miner, rimasti senza “occupazione” dopo The Merge, hanno deciso di utilizzare la loro potenza computazionale per validare le transazioni di ETC. 

L’hashrate della blockchain di Ethereum Classic infatti è passata da circa 50 trilioni di funzioni di hash per secondo (Th/s) alle circa 150 attuali, con un picco il giorno di The Merge di 300 Th/s. L’hashrate indica la performance totale della rete, nello specifico la quantità di funzioni di hashing eseguite in un secondo. L’incremento delle funzioni di hash avvenuto in contemporanea con l’attivazione dell’aggiornamento The Merge dimostra la quantità di miner che sono migrati da Ethereum a Ethereum Classic.

2. La resilienza dei miner, nasce Ethereum Proof-of-Work

ETHW è stato il principale hard fork di Ethereum dopo The Merge. Alcuni miner di Ethereum hanno deciso di copiare la blockchain Proof-of-Work di Ethereum e quindi di dare vita ad ETHW. La crypto ETHW è stata distribuita a tutti coloro che possedevano Ethereum sia sui wallet decentralizzati sia sugli exchange grazie ad uno snapshot. Uno snapshot è una sorta di istantanea di una blockchain grazie alla quale è possibile vedere l’ammontare di crypto e gli address che possedevano tale ammontare in un determinato momento. 

Nonostante la grande popolarità di questa crypto nei giorni immediatamente precedenti a The Merge, il lancio non è stato dei migliori. La rete di ETHW ha subito vari problemi causati presumibilmente da un un attacco hacker che ora sembra risolto. Nelle ore immediatamente successive al lancio, ETHW è stato soggetto a fortissima volatilità Ha infatti toccato un picco di 50$ per poi capitolare fino a circa 10$ nelle ore successive.

La direzione futura di ETHW è  ancora incerta. Il whitepaper del progetto, documento nel quale solitamente si trovano le informazioni principali di un protocollo blockchain e gli obiettivi per il futuro, ad oggi è composto da dieci pagine. Le prime cinque pagine sono dedicate esclusivamente al titolo del whitepaper “The Original Ethereum Blockchain powered by Proof of Work” in inglese e in cinese, le rimanenti cinque presentano la scritta “queste pagine sono state lasciate volutamente bianche”. Quindi il whitepaper non risulta molto costruttivo. Vedremo se ETHW ha intenzione di progettare qualcosa per il futuro o se rimarrà solamente la “seconda casa” degli ormai ex miner di Ethereum.

3. Il terzo hard fork di Ethereum dopo The Merge: Ethereum Fair

Il terzo hard fork di Ethereum dopo The Merge è Ethereum Fair, nato proprio il 15 Settembre 2022. La crypto ETHF, in un primo momento nominata ETF, non è però stata distribuita ai possessori di Ether, ma a coloro che possedevano Bitcoin, Dogecoin e Ethereum Classic. ETHF non sembra però aver conquistato i miner, e in generale il mercato. La crypto è stata lanciata ad un prezzo di partenza di circa 15 dollari e in due settimane ha perso più del 70% del suo valore.

Young Market: Bitcoin, Ethereum e il crollo della sterlina 

Il prezzo di Bitcoin e di Ethereum e il crollo della sterlina

L’analisi settimanale del prezzo di Bitcoin e Ether? Timidi rialzi nel bear market! Ma le transazioni di BTC aumentano con il crollo della sterlina

Gli ultimi giorni di Settembre sono alti e bassi per Bitcoin, Ether e tutto il mondo crypto. Con l’episodio di Young Market della scorsa settimana ci siamo lasciati in prossimità dei minimi recenti del mercato, oggi invece ci troviamo su prezzi leggermente più alti che potrebbero aver illuso qualche trader speranzoso di vedere innescata una nuova bull run. I festeggiamenti sono durati poco, perché ci troviamo ancora in un mercato ribassista. Dopo aver visto come sono andati i prezzi di Bitcoin e Ethereum nella settimana dal 22 al 29 Settembre 2022, ci sposteremo ad analizzare l’impatto sul mercato di BTC della svalutazione della sterlina. 

Alti e bassi per il prezzo di Bitcoin

Partiamo con l’analisi del prezzo di Bitcoin! In questa settimana abbiamo visto un movimento rapido e deciso al rialzo di BTC. Osservando il grafico orario, possiamo notare che dai 19.000$ della settimana scorsa Bitcoin ha oscillato tra i 18.700$ e i 19.200$. Successivamente il prezzo si è concentrato sulla parte alta della banda fino a rompere la struttura al rialzo, con un +3.6% in solo 2 ore. A questo punto la corsa al rialzo di Bitcoin si è interrotta ai 20.300$, come avevamo ipotizzato la settimana scorsa

Grafico prezzo Bitcoin 29/09/2022

Come sulle montagne russe, una salita anticipa sempre una discesa! Dopo il picco Bitcoin scende con un -6.3% in 3 ore portandosi di nuovo sotto ai 19.000$. Giorni tranquilli in vista per il mercato crypto? Sembrerebbe di sì, al momento non ci sono notizie su Bitcoin che potrebbero sconvolgere la situazione. 

Una settimana vivace per Ether

Dai 1.300$ dollari della scorsa settimana, ETH ha subito movimenti in salita e in discesa piuttosto vertiginosi, con massima escursione di quasi un 11%. Il prezzo di Ethereum comunque si è concentrato in una zona di ranging tra i 1.270$ e i 1.340$. Alla rottura della soglia dei 1.340$, il prezzo ha subito un’accelerazione verso l’alto, con un incremento pari al 4% che ha portato ETH fino ai 1.400 dollari.

Grafico prezzo Ethereum 29/09/2022

Dopo una prima fase di consolidamento, Ether ha visto crollare rapidamente il proprio valore fino a 1.270 dollari, attualmente il prezzo sta insistendo sulla parte alta del ranging a 1.340$. 

La sterlina e l’euro scendono ma aumentano le transazioni in BTC

Riassuntone: il prezzo di BTC e quello di ETH hanno avuto delle risalite ma possiamo considerarle dei timidi movimenti in un mercato ribassista. A livello di prezzi, siamo ancora lontani dal vedere la primavera dopo questo crypto winter, lo scenario rimane comunque bear. Un dato interessante per i mercati crypto è l’aumento significativo dei volumi per le transazioni in BTC relative alla perdita di valore di alcune valute di primo livello, come euro e sterlina. Con il crollo della sterlina si comprano più Bitcoin? 

Come si nota da questo report di Messari, la svalutazione della sterlina e dell’euro sembrerebbero influenzare positivamente la propensione all’acquisto di BTC. Un nuovo trend? Staremo a vedere!

Bitcoin ETF e Bitcoin ETP, cosa cambia? 

ETF e ETP di Bitcoin: cosa sono e quali sono le differenze

Gli ETF e gli ETP di Bitcoin sono sempre più diffusi. Ma cosa sono in breve questi strumenti finanziari? Quali sono le differenze?

Prima di vedere cos’è un ETF di Bitcoin e la differenza con un ETP, capiamo cosa si intende per ETF ovvero Exchange Traded Fund. In italiano si può tradurre come “fondo indicizzato quotato” in Borsa e si tratta di un prodotto finanziario a gestione passiva che replica passo passo l’andamento di un indice azionario (chiamato benchmark). Gli ETF sono venduti e comprati come azioni ordinarie e per questo sono considerati strumenti finanziari più accessibili e meno costosi rispetto ai fondi di investimento classici. Come le azioni e di tutti gli strumenti quotati nei mercati finanziari, il prezzo degli ETF può scendere e salire. In breve gli ETF possono essere considerati dei panieri di titoli di diverse aziende o realtà che fanno riferimento a un “tema” comune, che può essere il mercato di un’area geografica o un settore. Comprare un Exchange Traded Fund è come acquistare le azioni delle aziende o delle realtà relative al benchmark che l’ETF vuole tracciare. 

Che cos’è un ETF di Bitcoin?

Secondo questa definizione di ETF, gli Exchange Traded Fund di Bitcoin replicano l’andamento di BTC e delle attività connesse alla crypto di Satoshi Nakamoto. Gli ETF di Bitcoin in sostanza permettono di esporsi a BTC senza effettivamente comprare nessuna criptovaluta, per questo nella maggior parte dei casi attraggono chi non è abituato ad avere a che fare con exchange di criptovalute, wallet e chiavi private. In altre parole si può dire che gli ETF di Bitcoin sono BTC scambiati sulle borse tradizionali e non sugli exchange crypto. L’8 Giugno 2022 è stato quotato il primo ETF di Bitcoin nella Borsa Italiana

La differenza tra ETF e ETP

Hai sentito parlare anche degli ETP? Gli Exchange Traded Product sono una macrocategoria che riunisce una serie di prodotti finanziari che replicano indici azionari o altri asset seguendone l’andamento nel mercato di riferimento. Gli ETF sono dunque un sottoinsieme degli ETP, insieme agli ETN (Exchange Traded Note) e agli ETC (Exchange Traded Commodities). Tutti questi prodotti finanziari hanno in comune il fatto di essere negoziati in borsa come azioni e il fatto di replicare passivamente la performance di un asset di riferimento, quindi senza l’intervento dei trader. Al di là di queste somiglianze, ognuno di questi prodotti ha le sue peculiarità. Ad esempio gli ETC non tracciano il prezzo di indici ma quello di materie fisiche come oro, argento, petrolio, zucchero, oppure i derivati delle materie prime. Esistono ETC di singole materie prime oppure di più asset. 

La differenza tra ETF e ETN 

ETF e ETN si distinguono per una sola lettera: “F” e “N”, che stanno rispettivamente per “fondo” e “nota di debito”. Sia Exchange Traded Fund che Exchange Traded Note replicano la performance di un determinato indice, ma sono due prodotti diversi perché il secondo è uno strumento di debito. Se acquisti un ETF possiedi effettivamente dei titoli, mentre quando scegli un ETN hai delle obbligazioni, delle “promesse” da parte di chi emette l’ETN di ripagare un giorno quanto hai speso. La differenza tra ETF e ETN si gioca sulla proprietà di titoli. Gli ETN sono soggetti al cosiddetto “rischio controparte”, quindi in caso di fallimento dell’emittente chi li ha comprati rischia di perdere tutto il capitale impiegato.

Un nuovo ETP di Bitcoin alla Borsa di Francoforte 

Il 23 Settembre 2022 è stato quotato alla Borsa di Francoforte un nuovo Exchange Traded Product a tema Bitcoin. L’ETP che per definizione è composto da ETF e ETN, è emesso da Valour, una società che offre prodotti finanziari legati al settore Web3, e si chiama “Bitcoin Carbon Neutral”. Qual è la particolarità di questo ETP di Bitcoin? Quando si compra il BTC Carbon Neutral ETP di Valour, tutte le emissioni di anidride carbonica legate al prodotto saranno automaticamente compensate. Tra queste emissioni rientrano ad esempio i consumi del mining. 

Concretamente il piano carbon free sarà attuato in collaborazione con Patch, una piattaforma che offre soluzioni per le aziende che vogliono fare la loro parte nella lotta al cambiamento climatico. Patch in questo frangente selezionerà progetti che prevengono le emissioni e rimuovono l’anidride carbonica dall’atmosfera relativa a BTC. Valour offre ETP anche a tema Uniswap (UNI), Cardano (ADA), Solana (SOL) e tanti altri progetti crypto. 

Un altro prodotto a tema BTC lanciato di recente è il 21 Shares Bitcoin ETP quotato a Luglio 2022. 

Algorand e Chiliz crescono grazie al crypto-soccer

Fuori i primi NFT Algorand e FIFA, le novità e il prezzo di Chiliz

Algorand e FIFA hanno completato con successo il Genesis Drop della prima collezione FIFA + Collect e la Chiliz Chain 2.0 in arrivo entro il 2023

Arrivano notizie interessanti dal mondo del crypto-soccer. Sono fuori i primi NFT di Algorand e FIFA, e Chiliz, la crypto della piattaforma Socios, ha in serbo importanti novità  sull’uscita della Mainnet.

Esattamente due mesi prima dell’inizio dei Mondiali di Calcio 2022, FIFA e Algorand hanno rilasciato i primi NFT sulla piattaforma FIFA + Collect. Il primo NFT drop della collaborazione si chiama Genesis Drop ed è disponibile all’acquisto dal 22 Settembre 2022.  Il prezzo di Chiliz ha visto un incremento di più del 40% dai primi di Settembre e la Chiliz Chain 2.0 dovrebbe arrivare entro la fine del 2022. Scopri gli NFT di Algorand e FIFA e le novità dell’ecosistema Chiliz!

Tutto sul Genesis Drop di FIFA+ Collect in collaborazione con Algorand

Algorand e FIFA collaborano ormai da Maggio 2022 quando la blockchain green è diventata sponsor ufficiale della Fédération Internationale de Football Association. La prima creazione nata da questa collaborazione è la collezione NFT Genesis Drop che è stata lanciata il 22 Settembre 2022 sulla piattaforma FIFA+ Collect. Collect è la sezione dell’applicazione web FIFA+ dedicata alle iniziative Web3. La collezione è composta da 532.980 “pacchetti” che contengono ognuno tre video NFT di iconici highlights della storia dei Campionati del Mondo di Calcio maschili e femminili. Per highlights si intendono le azioni migliori delle partite, ad esempio parate acrobatiche, passaggi illuminanti e gol incredibili. L’idea ricorda quella sviluppata da NBA Top Shot, un’iniziativa di Dapper Labs dedicata al mondo del basket americano. Sulla piattaforma FIFA+ Collect è già possibile visualizzare gli NFT in anteprima che potranno essere trovati all’interno di ogni pacchetto. Gli NFT di FIFA+ Collect, come accade per la maggior parte degli NFT in circolazione, sono divisi per rarità. Il primo drop della piattaforma contiene 18 highlights comuni, 13 rari, 5 epici e 2 iconici

Gli NFT iconici della prima collezione sono il gol di Ronaldo il Fenomeno nella finale dei Campionati del Mondo del 2002 in Corea del Sud e Giappone e quello da centrocampo della calciatrice statunitense Carli LLoyd nella finale del FIFA Women’s World Cup in Canada del 2015. I pacchetti di NFT, simili ai classici pacchetti di figurine, costano 4,99$ l’uno e possono essere acquistati sia in dollari, attraverso carte di credito o di debito, sia con la stablecoin USDC nella versione presente sulla blockchain di Algorand. Per effettuare il pagamento in crypto è necessario possedere un wallet compatibile con la rete Algorand e almeno 0,001 ALGO per pagare le fees. Che effetto ha avuto degli NFT di Algorand e FIFA sul prezzo di ALGO?

Algorand e Chiliz due crypto a prova di bear market?

Algorand e la sua crypto ALGO sembrano subire solo parzialmente gli effetti dell’attuale mercato ribassista. La crypto ha infatti segnato un incremento di più del 30% sia rispetto al dollaro che rispetto a Bitcoin dall’inizio di Settembre 2022. Anche la quantità di wallet che detengono più dell’uno per cento della fornitura globale della crypto ALGO sono in forte crescita. Secondo un’analisi on-chain svolta da The Block il totale detenuto dalle cosiddette “balene” è aumentato di oltre 280 milioni di dollari da Agosto 2022. Chissà se questo movimento rialzista è avvenuto grazie all’annuncio della collezione NFT di Algorand e FIFA?

Anche la blockchain Chiliz e la sua crypto CHZ stanno crescendo rispetto ad altre realtà. Chiliz e, la famosa piattaforma costruita sulla sua blockchain, Socios.com dominano ormai da tempo il mercato dei fan token, che permettono ai tifosi di partecipare da vicino alle decisioni che coinvolgono le loro squadre preferite. I fan token garantiscono inoltre, a chi li possiede, l’accesso ad esperienze esclusive come biglietti VIP per le partite e visite guidate nei musei o negli stadi delle squadre. La crypto di Chiliz ha segnato un incremento molto simile a quello di Algorand nell’ultimo periodo. 

Il prezzo di Chiliz è infatti aumentato di più del 40% da inizio Settembre 2022. L’incremento del prezzo di Chiliz potrebbe essere connesso a diversi fattori, alcuni riguardanti il mondo del crypto-soccer, altri invece relativi all’innovazione tecnologica della stessa blockchain. La prima importante notizia riguarda l’acquisizione da parte di Chiliz del 24.5% dei Barça Studios, la sezione del Barcellona FC che si occupa di comunicazione ed intrattenimento, avvenuta Lunedì 1 Agosto 2022. L’acquisizione, che è costata all’azienda blockchain circa 100 milioni di dollari, ha come obiettivo la creazione di contenuti Web3 per raggiungere sempre più appassionati in tutto il mondo garantendo l’interazione con le squadre del cuore attraverso nuove modalità. Inoltre Chiliz ha recentemente rinnovato la partnership con la Union of European Football Associations (UEFA). La collaborazione, nata nel 2021, continuerà anche durante la stagione calcistica 2022/23 e ci permetterà di vedere il logo di Socios in associazione a tutti gli eventi UEFA, per esempio durante le partite della UEFA Champions League


Per quanto riguarda invece l’innovazione tecnologia della blockchain di Chiliz, il 31 Marzo 2021 è stato annunciato il lancio di Scoville, la testnet pubblica per Chiliz 2.0. Oggi la blockchain principale di Chiliz è ancora alla prima fase di sviluppo. La mainnet, che dovrebbe essere attivata entro l’inizio del 2023, si chiamerà come da tradizione per la blockchain company, con il nome di una specie di peperoncino: Habanero.Chiliz Chain 2.0 (CC2) sarà una blockchain Layer-1 creata appositamente per le industrie dello sport e dell’intrattenimento. Chiliz Chain 2.0 permetterà di costruire applicazioni decentralizzate che potranno sfruttare al 100% i fan token. In seguito a questo aggiornamento anche il token CHZ espanderà i suoi casi d’uso. Non servirà solamente ad acquistare in Fan Token sulla piattaforma di Socios ma diventerà l’asset nativo della blockchain CC2 e sarà indisponibile a processare tutte le transazioni che avverranno sulla rete.

Biden vuole regolamentare le crypto?

Biden vuole regolamentare le crypto negli Stati Uniti?

Con Young Pills il report degli Stati Uniti sulle crypto spiegato facile. Che cosa è emerso? Quali leggi dobbiamo aspettarci dopo? 

Il 16 Settembre 2022 gli Stati Uniti hanno pubblicato l’attesissimo report delle agenzie federali sul settore delle criptovalute e della finanza decentralizzata. Il documento riassume tutte le indagini svolte e pone le basi per una legislazione a tema crypto. Vediamo i dettagli!

I punti salienti del report della Casa Bianca

Il “quadro completo per lo sviluppo responsabile dei beni digitali” degli Stati Uniti presenta i punti di forza e di debolezza delle criptovalute, con l’obiettivo di promuovere il settore e allo stesso tempo circoscrivere i potenziali rischi. Le crypto sono descritte come opportunità per estendere a più persone possibili i servizi finanziari, il report infatti spiega che circa 7 milioni di cittadini statunitensi non hanno ancora un conto in banca. A questo proposito si può leggere nel documento, l’intento di sviluppare un sistema di pagamento istantaneo e una CBDC. Dall’altro lato gli Stati Uniti vogliono monitorare il rischio di truffe e di riciclaggio e la volatilità degli asset digitali. Come? Attraverso l’educazione e formazione finanziaria, leggi e il monitoraggio della Securities and Exchange Commission (SEC) e della Commodity Futures Trading Commission (CFTC).

Biden e le crypto: gli Stati Uniti vogliono essere un esempio per tutti

Il report del 16 Settembre nasce dal lavoro combinato delle agenzie federali incaricate dal presidente Joe Biden a Marzo di quest’anno. Biden vuole regolamentare le crypto? Pare proprio di sì! Non solo, il documento della Casa Bianca spiega che l’intenzione degli Stati Uniti è di essere, con le nuove leggi, un esempio per tutti gli altri stati. Il report e la descrizione del panorama crypto, hanno ricevuto alcune critiche dagli oppositori politici e da esperti del settore blockchain che lo hanno definito datato, inadeguato e non abbastanza approfondito.

Come cambia Ethereum dopo The Merge? Le novità spiegate in 7 punti

Ethereum 2.0, le novità dopo The Merge spiegate in 7 punti

L’aggiornamento di Ethereum 2.0 è stato attivato con successo! Scopri le novità dopo The Merge in 7 punti

The Merge è stato un successo a livello informatico. L’aggiornamento è stato attivato Giovedì 15 Settembre 2022 senza nessun intoppo e la blockchain di Ethereum ha iniziato a validare le transazioni attraverso l’algoritmo di consenso Proof-of-Stake in modo fluido a partire dal blocco numero 15537393. Come di solito accade con i grandi eventi, con il passare dell’euforia generale iniziano a circolare tantissime domande in merito al “dopo”. Ethereum diventa più centralizzato? Cosa è successo al prezzo di Ethereum? Se vuoi saperne di più, leggi le novità dopo The Merge spiegate in 7 punti!

1. Come mai il prezzo di Ethereum è crollato dopo The Merge?

Nel giorno dell’attivazione di The Merge, ETH ha perso circa 10 punti percentuali disegnando una candela rossa sul grafico. Ma come mai Ethereum è crollato dopo il successo di The Merge? Si possono individuare principalmente due ragioni, una strettamente legata a The Merge e l’altra inerente alla situazione macro-economica in cui ci troviamo in questo periodo. Nello scenario economico attuale, che è stato analizzato all’interno dell’ultimo episodio di Young Market, stiamo assistendo all’aumento dei tassi di interesse da parte della SEC, l’agenzia governativa statunitense incaricata di regolamentare il mercato, e all’aumento dell’offerta sui mercati. Questa situazione va sicuramente a svantaggio di asset considerati rischiosi come le criptovalute. Il prezzo di Ether quindi è crollato di più del 20% dopo The Merge.

La seconda ragione è riconducibile proprio all’attivazione di The Merge. I miner, coloro che nella precedente versione di Ethereum Proof-of-Work si occupavano di validare le transazioni, avrebbero venduto circa 20.000 ETH nelle ore successive di The Merge (secondo i dati di OKlink), contribuendo a portare il prezzo di Ethereum verso il basso. 

2. Ethereum è più centralizzato dopo The Merge?

Qualcuno ha fatto notare che dopo The Merge, Ethereum sarebbe  più centralizzato di prima. Questo perché i nodi che si occupano di validare le transazioni della blockchain Proof-of-Stake al momento sono meno rispetto ai nodi della rete Proof-of-Work. 

In una blockchain che funziona tramite l’algoritmo di consenso Proof-of-Stake, le transazioni vengono validate tramite lo staking. I nodi validatori della rete di Ethereum, ovvero coloro che possiedono almeno 32 ETH, si occupano di approvare tutte le transazioni e vengono premiati dalla rete stessa attraverso ricompense in Ether. La maggior parte di questi nodi è costituita da organizzazioni chiamate staking pool che raggruppano gli Ether degli utenti che vogliono delegare le loro crypto per partecipare al meccanismo di consenso. 

La critica relativa alla centralizzazione è stata avanzata perché queste staking pool sono poche e possiedono grandissime quantità di Ether per conto degli utenti. Uno dei rischi di questa situazione potrebbe essere la centralizzazione delle decisioni e dei processi nella rete di Ethereum. Questa critica però si contrappone all’idea secondo la quale, i provider guadagnerebbero in relazione alla quantità di Ether che possiedono e di conseguenza al numero di utenti che scelgono di servirsi di loro. Secondo questa ipotesi non sarebbero incentivati a censurare le transazioni e a rischiare quindi di perdere utenti e introiti. Quali saranno i prossimi sviluppi? Nasceranno altre staking pool che aiuteranno a decentralizzare maggiormente il network di Ethereum?

Il secondo punto su cui cercano di fare leva i detrattori di Ether è la collocazione geografica dei nodi validatori. In risposta a questo, un report consultabile sul sito ufficiale di Lido, una delle staking pool più utilizzate, mostra come i nodi validatori di Lido siano distribuiti geograficamente e nessun paese mostra una percentuale superiore al 15% in termini di presenza di validatori sul proprio territorio. Non solo: Lido stessa è un’organizzazione che ha come obbiettivo il miglioramento della propria decentralizzazione e i cui protocolli di staking sono già regolati da una DAO.

3. Attenzione alle fake news post The Merge 

Giovedì 15 Settembre 2022 alcune importanti testate giornalistiche italiane hanno riportato la notizia secondo la quale il founder di Ethereum, Vitalik Buterin, avrebbe hackerato il profilo Twitter del Ministero per la Transizione Ecologica il cui ministro è Roberto Cingolani. Ovviamente non è successo niente di tutto questo, il nome di Vitalik Buterin apparso come handle del profilo è stato inserito da un truffatore. La community Web3 italiana si è ovviamente espressa in maniera molto critica verso le famose testate che hanno dato l’allarme. Sono nati una serie di meme molto divertenti che hanno posto l’accento sulla disinformazione e la tendenza a strumentalizzare informazioni senza verificarle. 

4. Come cambia la tokenomics di Ethereum dopo The Merge?

Una delle 7 novità dopo The Merge riguarda la tokenomics di Ethereum. La tokenomics è il modello che descrive le caratteristiche economiche di un token e contiene tutte le informazioni relative all’emissione e alla distribuzione del token di una blockchain. Il passaggio dall’algoritmo di consenso Proof-of-Work all’algoritmo Proof-of-Stake determinerà un’emissione di ETH minore, cosa che andrà ad influire anche sull’inflazione della crypto che, nel periodo precedente a The Merge, era del 4% circa. In alcuni momenti immediatamente successivi a The Merge, Ether ha avuto una tendenza deflazionaria, in altre parole sono stati distrutti più Ether di quanti ne venissero emessi. 

La tokenomics di Ethereum subirà dei cambiamenti anche dopo il prossimo aggiornamento in programma per Ethereum, denominato Shanghai. Nei mesi successivi a The Merge, fino all’attivazione di Shangai, per gli staker non sarà possibile prelevare i propri ETH. L’aggiornamento regolerà i prelievi di ETH dallo staking, influenzando la quantità di criptovalute circolanti. 

5. The Merge ha trasformato Ethereum in una blockchain ad impatto zero?

Il team di Ethereum si augura di sì. Secondo l’ Ethereum Foundation, grazie al cambiamento di algoritmo di consenso, la rete ridurrà il consumo energetico del 99.5%. Nelle blockchain Proof-of-Stake infatti le transazioni sono validate grazie allo staking e non grazie alla potenza computazionale messa a disposizione dai miner. È stato stimato che grazie a The Merge, il consumo energetico mondiale verrà ridotto dello 0.2%. L’aggiornamento The Merge potrebbe quindi modificare la narrazione dell’intero settore in relazione a potenziali danni per il clima.

6. I prossimi passi dopo The Merge per un network più scalabile?

Ora che The Merge è stato attivato, qual è il prossimo passo per Ethereum? Vitalik Buterin si è espresso in merito durante una conferenza del 21 Luglio 2021. L’obiettivo principale è la scalabilità del network, e lo è già dal 2017 quando l’utilizzo della rete è aumentato esponenzialmente. Oggi la rete di Ethereum riesce a processare circa 20 transazioni al secondo, in futuro con l’utilizzo di alcune soluzioni di scalabilità si potrà arrivare anche a 100.000 transazioni per secondo. L’aggiornamento successivo a The Merge sarà The Surge. All’interno di The Surge convivranno due fasi, la prima si chiamerà proto-Danksharding e dovrebbe avvenire entro un anno. Con questo aggiornamento, che servirà ad aumentare la quantità di dati immagazzinabili su ogni blocco, sarà possibile rendere le transazioni sui Layer 2 di Ethereum ancora più economiche. La seconda fase di The Surge si chiamerà Danksharding ed avrà il fine di scalare il network di Ethereum anche sui Layer 2 attraverso l’utilizzo dei cosiddetti rollup. I rollup si occupano di aggregare più transazioni “off chain” che vengono poi “presentate” alla blockchain di Ethereum come transazioni uniche. 

7. Dove andranno i miner di Ethereum?

L’ultimo punto delle novità dopo The Merge riguarda il destino dei miner di ETH. Questi si sono dovuti attrezzare per trovare nuove blockchain dove traslocare tutta la loro potenza computazionale. Analizzando l’hash power, e quindi la potenza computazionale di alcune blockchain alternative ad Ethereum, si è intuito dove si sono diretti i miner rimasti senza occupazione. Per esempio l’hash power di Ethereum Classic è schizzato alle stelle segnando un incremento del 500% e quello di Ravencoin dell’800%. Saranno queste le crypto preferite dai miner? Chi non si è spostato su queste monete alternative sta pensando probabilmente ad altre opzioni, come offrire la propria potenza di calcolo a players del settore del cloud computing o dell’elaborazione dei dati come Amazon Web Service oppure validare la versione Proof-of-Stake della rete creando dei nodi.

Altri ex miner di Ethereum hanno deciso di creare degli hard fork per continuare la loro attività. Ci sono stati due hard fork dopo The Merge: ETHW (Ethereum Proof-of-Work) e ETF (Ethereum Fair). I due hard fork non sono stati riconosciuti da Ethereum e di conseguenza sono progetti estranei alla blockchain creata da Vitalik Buterin. Una curiosità riguardante l’hard fork Ethereum Fair è che è stato distribuito a chi possedeva Dogecoin, Ethereum Classic e Bitcoin ma non a chi possedeva degli ETH. Entrambi gli hard fork sono stati oggetto di grandissima volatilità nelle ore immediatamente successive a The Merge.

Arriva lo staking per Apecoin, la crypto del Bored Ape Yacht Club

Apecoin: arriva lo staking per la crypto del Bored Ape Yacht Club

Dal 31 Ottobre 2022 sarà possibile mettere in staking Apecoin, la crypto del Bored Apes Yacht Club, grazie alla partnership con Horizen Labs!

Apecoin, la crypto del Bored Ape Yacht Club continua ad evolversi e ad accrescere i suoi casi d’uso. Ad Agosto 2022 il marchio di moda Gucci ha iniziato ad accettare il token delle scimmie NFT più famose del Web3 contribuendo così a migliorare la loro reputazione. Il 22 Settembre 2022 la blockchain company Horizen Labs, che si era già occupata di sviluppare il token Apecoin, ha annunciato una data, ancora provvisoria, per il rilascio della piattaforma di staking di APE. Vedremo se il team di Horizen Lab riuscirà a rispettare la roadmap entro il 31 Ottobre. Si tratterà di uno scherzetto in stile Halloween o una dolce novità per il mondo del Web3?

Bored Ape Yacht Club e Horizen Lab

La piattaforma di staking per il token Apecoin si chiamerà ApeStake e sarà interamente sviluppata da Horizen Labs. Ma andiamo con ordine, che cos’è Apecoin (APE)? APE è la crypto ufficiale del Bored Ape Yacht Club, la collezione di PFP NFT più famosa di sempre! È un token di governance, ovvero viene utilizzato dai suoi possessori per prendere posizione riguardo alle decisioni che riguardano il futuro dell’ecosistema BAYC. APE è costruito sulla blockchain di Ethereum ed è stato distribuito ai possessori degli NFT di Yuga Labs a Marzo 2022. Oltre ad essere un token di governance, Apecoin è anche un utility token, e serve ad acquistare tutti i prodotti e i servizi sviluppati da Yuga Labs. La startup, nata in contemporanea con la prima collezione NFT si è evoluta molto velocemente, ed ora si occupa di tre diverse collezioni (BYAC, MAYC e Bored Ape Kennel Club) e un metaverso, Otherside, e le rispettive “terre” da cui è composto.

Horizen Labs invece è una infrastruttura blockchain incentrata sulla privacy e sulla scalabilità. La piattaforma di Horizen Labs consente alle aziende e agli sviluppatori di creare applicazioni decentralizzate sulla sua rete. Horizon Labs offre inoltre la possibilità di utilizzare protocolli zero knowledge per garantire transazioni veloci, sicure ed economiche con le sidechains. L’ecosistema Horizen e la sua criptovaluta ZEN sono stati lanciati nel Maggio del 2017 con il nome ZenCash. Nel 2018 ZenCash è stato vittima di un attacco hacker, che ha obbligato il team a rilanciare il progetto sotto il nuovo nome di Horizen. La piattaforma Horizen Labs è stata scelta dalla DAO (Decentrlized Autonomous Organization) del Bored Ape Yacht Club attraverso una votazione. Il peso di dei votanti, come solitamente accade nella iniziative di votazione di una DAO, è stato determinato dalla quantità di Apecoin che ciascuno di loro possedeva.

Come funzionerà lo staking di Apecoin e degli NFT di Yuga Labs?

Grazie ad alcuni sneak peak rilasciati da Horizen Labs è già possibile immaginare il funzionamento di ApeStake. L’utente potrà scegliere tra quattro diverse pool in cui depositare i suoi APE e bloccare gli NFT dell’ecosistema BAYC in suo possesso. 

Così facendo otterrà ricompense grazie allo staking dei suoi token. Ogni pool e ogni combinazione di quantità di Apecoin e NFT garantirà ricompense e benefici specifici. Vediamo le quattro staking pool di ApeStake:

  1. Apecoin Pool – All’interno della prima staking pool si potranno mettere in staking i propri token APE, senza necessariamente possedere un NFT della collezione di Yuga Labs. L’allocazione totale di APE, da dividere tra tutti coloro che utilizzeranno lo staking in proporzione alla quantità bloccata, disponibile per questa pool, è di 30 milioni di APE;
  1. Bored Ape Pool – La pool dedicata ai possessori di Bored Ape è quella più ricca di ricompense. La Bored Ape Pool mette a disposizione degli utenti 47 milioni di Apecoin che verranno divisi tra coloro che bloccheranno un massimo di 10.094 token APE durante il primo anno per ogni BYAC posseduta;
  1. Mutant Pool – La Mutant Pool consentirà agli utenti di bloccare circa 2.000 APE e la propria MAYC per dividersi la ricompensa di 19 milioni di APE durante il primo anno;
  1. Paired Pool – Nella Paired Pool potrai partecipare abbinando due NFT creati da Yuga Labs secondo delle combinazioni stabilite. Ad esempio un BAKC (la collezione dei cagnolini delle Bored Apes), va abbinata ad una scimmia, non potrai quindi mettere in staking i tuoi APE nel pool bloccando due cagnolini. Le ricompense in essa contenute saranno di circa 4 milioni di Ape.

Le altre funzionalità della piattaforma sviluppata da Horizen Labs devono ancora essere annunciate. All’interno della video-anteprima si può notare la sezione Market Tools il cui funzionamento è ancora segreto.